COME ARREDARE UN OPEN SPACE

Arredare open space grandi o piccoli: idee e consigli

Gli spazi abitativi oggi sono cambiati: dalla divisione in stanze delle case di qualche tempo fa, si è passati all’idea di unire, abbattere pareti e concepire spazi multifunzionali, dove mettere insieme mobili, attività e persone.

Di qui l’idea dell’open space: uno spazio living aperto, dove unire soggiorno, ingresso, zona pranzo e talvolta anche cucina ha il doppio vantaggio di creare un ambiente più ampio e luminoso, e di farne anche un punto di riunione e condivisione della casa.

Ma come arredare open space di piccole o grandi dimensioni?

Open space arredamento: mobili per connettere e dividere gli spazi

Di certo, nella scelta dell’arredamento da open space, vanno considerate

  • le funzioni dello spazio
  • le dimensioni dell’area a disposizione

Come arredare un open space piccolo

Un open space di 20-30 mq può essere necessario in caso di case piccole o monolocali in cui ottimizzare gli spazi: è la soluzione più semplice ed efficace. In tal caso, valgono sicuramente i nostri consigli riguardo a come arredare le case piccole in generale, giacché i principi sono gli stessi: ottimizzare gli spazi, usando pochi arredi ma funzionali (come le tante soluzioni di mobile multifunzione che potete anche scoprire in catalogo, tra consolle trasformabili in tavolo, a quelle che includono anche il letto, ecc.).

Per certo la regola d’oro è non affollare lo spazio con tanti oggetti: essendo lo spazio limitato, rischieremmo di renderlo facilmente caotico. Stessa cosa per quanto riguarda la scelta dei colori: colori tenui, e magari nella stessa palette di tinte, o meglio ancora l’uso del bianco ottico, nel mobilio o nei complementi d’arredo, crea luce, dà un’idea di ordine e amplia gli spazi.

Open space e arredamento: come organizzare gli spazi

Supponendo che lo spazio a disposizione, quindi, sia discretamente notevole (open space di 40-50 mq o più) in tal caso la priorità sarà creare più aree funzionali, riconoscibili proprio grazie all’arredamento da open space: un divano, meglio ancora se angolare, una credenza o una libreria bifacciale sono ottime soluzioni per dividere senza separare, dando allo spazio in cui si trovano la connotazione funzionale.

Arredare salotto e sala da pranzo insieme per un open space arioso e multifunzione

Il divano nell’open space, in particolare, ha una funzione cruciale: può essere posizionato anche nel centro della stanza, dando le spalle alla zona pranzo, con un tappeto e altri complementi intorno (poltrone, sgabelli o pouf e tavolini da soggiorno ad esempio) dando all’area salotto la sua impronta. L’ideale sarebbe di fronte o ai lati di un camino, se c’è il camino, o davanti ad una parete attrezzata e al mobile porta TV: in tal modo l’area salotto è ben riconoscibile.

Oppure si può optare per una credenza o una libreria bifacciale, alte o basse a seconda se si voglia più o meno includere le aree a disposizione, nel qual caso si possono anche disporre alle spalle del divano, purché dal punto di vista stilistico e cromatico le due cose si combinino bene. (E se uno degli articoli “Soggiorno” dovesse ispirare la tua voglia di arredare l’open space hai tempo fino al 31 luglio per approfittare del 10% di extrasconto con il codice promo SOGGIORNO10).

La zona pranzo in questo modo si trova connessa al salotto, mantenendo la propria autonomia: l’elemento di identificazione è il tavolo da pranzo con le sedie intorno, e talvolta una consolle, o una madia o un contromobile nella parete di fianco a corredare l’area. A seconda dello spazio a disposizione e delle proprie esigenze, si può pensare ad un tavolo allungabile, oppure ad un tavolo fisso: nel catalogo ABITAREarreda ne troverai moltissimi, del giusto design per esaltare un’area open space, e tutti di elevata qualità.

Arredare una cucina open space

Arredare cucina e soggiorno insieme, o una cucina-soggiorno in un certo senso, è oggi un trend sempre più seguito, anche perché la progettazione di cucine le rende sempre più esteticamente curate e funzionali, in modo da integrarle nello spazio circostante.

I mobili per open space includono quindi anche l’idea di cucina, che spesso viene concepita all’origine “open space” in modo da organizzare già in fase di progettazione tale spazio. Di certo, nella scelta tra cucina open space con isola o con penisola, va tenuto conto soprattutto del fattore spazio: l’isola necessita di più spazio, essendo concepita per dover stare al centro della stanza, mentre la penisola è un valido elemento per spazi non enormi, ma che mantiene l’area cucina distinta e al tempo stesso connessa al resto dell’ambiente: con l’uso di sgabelli, un lato della penisola può diventare un bel punto di ritrovo per la colazione, o per un aperitivo prima del pasto.

E’ indubbio che una cucina open space che comunichi con la zona pranzo e il salotto facilita la condivisione e lo stare insieme, ed è doppiamente utile se si hanno bambini: vi permetterà di tenerli sempre d’occhio!

Open space da sogno: mobili e stili su misura

L’ultimo elemento da valutare è lo stile “del cuore”: spesso veniamo catturati dalla cura e il senso di ordine e pace che si respira guardando l’immagine di un open space moderno, pensando che sia il solo stile in grado di esaltare uno spazio unico da arredare. Di certo, le linee essenziali e pulite, e i colori moderni, con contrasti e materiali in grado di creare veri effetti d’atmosfera (cemento, bianco ottico, contrasti con legno massello con venature a vista, marmi, ecc.) sanno esaltare una grande stanza o ambiente unico.

E’ vero anche che un bravo progettista saprà piegare gli spazi alle vostre esigenze: optare per uno stile urban vintage o francamente industrial vi permetterà di ricreare l’atmosfera di un vero e proprio loft newyorkese da sogno; uno stile più vintage shabby e shabby chic donerà all’ambiente un tocco di classe e delicatezza in cui un arredo classico non è affatto fuori luogo. Ma se la vostra casa deve rispecchiare un temperamento estroso e deciso, allora anche uno stile etnico, mix & match, boho chic o in ogni modo di carattere farà la sua notevole figura: l’open space, in conclusione, è una tela bianca in cui potete divertirvi nella scelta di colori, stili e forme, dando alla casa la vostra chiara impronta, e guadagnando in luce, spazio e socializzazione. Sbizzarritevi!