ARREDARE CASA IN STILE SHABBY CHIC

Arredamento in stile shabby chic tra classico e moderno

Negli ultimi anni lo stile shabby chic in casa è stata la tendenza di arredamento più seguita, apprezzata e declinata in mille aspetti di arredo e decorativi. Capirne il motivo è semplice: è al contempo uno stile raffinato ma rustico, evoca semplicità ed eleganza, e soprattutto crea atmosfere accoglienti e da sogno che ci riportano un po’ all’infanzia e alle immagini dei libri delle favole. “Shabby chic” significa proprio “trasandato elegante”, e cioè uno stile (apparentemente) rustico e grezzo, che in realtà nel complesso ha un effetto molto elegante e accogliente: in generale è uno stile molto femminile, e tendenzialmente classico, va però ricordato che esiste anche nella declinazione di stile shabby chic moderno, in cui le linee del design saranno più lineari, i tessuti semplici (niente trine e merletti, cioè), mantenendo l’effetto complessivo molto simile. Ma cosa fa di una comune casa in una casa shabby chic?

  • Arredamento: i mobili stile shabby chic sono indubbiamente l’elemento di riferimento per creare un ambiente del genere. Saranno arredi vintage che rievocano atmosfere, meglio ancora se in legno decapato con venature in evidenza, tavoli, sedie, panche, scaffali e credenze con torniture e decori, specie di carattere floreale. Tra tutti spiccano gli armadi shabby chic: grandi, maestosi, rigorosamente in legno, total white o con delicate decorazioni dipinte, come le madie o gli armadi delle nonne di una volta, adatti a contenere tutto, dal corredo di pizzi e merletti alle coperte per l’inverno.
  • Colori: il bianco la fa da padrone, ma anche le sfumature “anticate” e pastello del rosa, del tortora e del verde. Questi i colori di base da tener presente per pareti e mobili quando si vuole arredare casa in stile shabby chic. Incursioni di grigio e turchese, specie nei complementi di arredo, sono un’ottima scelta per variare la palette di colori o, nel caso del turchese, ravvivare l’ambiente.
  • Tanto vintage: è l’occasione buona per riaprire le vecchie scatole e ridare vita ad oggetti e tessuti dimenticati nell’armadio. Vecchi merletti, nastri, fiori secchi, cappelli di paglia, biciclette vintage, libri rilegati con le pagine ingiallite dal tempo, vasi e quadri shabby chic: tutto può essere riutilizzato come elemento di decoro che crea l’atmosfera dello shabby chic stile ma anche come occasione per far rivivere il passato e ciò che è stato tramandato.

Come arredare una casa in stile shabby chic

La camera da letto shabby chic

Avere un’omogeneità di stili nelle varie stanze della casa è sempre una buona cosa: dà un’idea di armonia, cura ed eleganza nel complesso. Uno degli ambienti sicuramente più espressivi è la zona letto: la camera da letto shabby chic si riconosce, come si diceva, dai colori (spiccano il bianco e il tortora), dai tessili delle tende, della biancheria del letto, dei cuscini decorativi (specie se in lino, con riprodotte stampe vintage), e dei paralumi della lampade da comodino, e dal legno decapato dei mobili in stile shabby chic. Un letto in ferro battuto o in legno, specie se a baldacchino, completa l’ambiente classico, con l’armadio e il comò coordinati (se lo spazio lo consente, una bella toeletta shabby sarebbe l’ideale per creare l’atmosfera); viceversa un letto con testiera imbottita moderna potrebbe essere completato da una panca contenitore coordinata in un ambiente moderno. Vecchie foto e centrini della nonna a volontà sono ottimi complementi (ma senza esagerare).

Per quanto riguarda le camerette, va ricordato che è uno stile più prettamente femminile, quindi se c’è un maschietto l’importante è mantenere una certa sobrietà nell’arredare in stile shabby chic, magari vertendo su uno stile più moderno, e giocando di più sui colori, specie i toni del blu e il turchese.

In generale lo stile shabby chic in camera da letto ci sta particolarmente bene.

Stile shabby chic in cucina

La seconda stanza “icona” è la cucina. Di sicuro preparare cibo in una cucina stile shabby chic farà venir voglia di fare biscotti, crostate e tutte quelle cose che sanno di calore e tradizione: per creare l’ambiente, basta arredare con tanto legno, e abbinare coi giusti complementi. I tavoli shabby possono essere quadrati, rettangolari, ma meglio ancora se tondi o ovali, con gambe decorate e tornite, e verniciato di bianco, oppure al naturale con venature a vista; le sedie saranno coordinate, con cuscini decorativi sui toni del beige e vintage. In una cucina shabby che si rispetti devono esserci poi zuccheriera, saliera e altri accessori necessariamente vintage, vasi in ceramica e laccati in toni pastello o anticati ma intensi, vuoti o con fiori secchi come decorazione. Le credenze shabby chic sono infine l’elemento che completa l’arredo, rigorosamente in legno, con vetrine per disporre piatti e servizi a vista, e ninnoli e ricordi del passato da esporre e ricordare.

Come arredare un bagno in stile shabby chic

L’arredo bagno stile shabby chic passa necessariamente dalla scelta della vasca, prima di tutto: una vasca da bagno classica, sagomata, magari coi piedini come quelle di una volta, sarà il mobile shabby chic per eccellenza in questa stanza. Se manca lo spazio oppure si opta per uno stile più moderno, sarà importante allora la scelta dei colori, dei tessili (asciugamani, tende e tappetini), del mobile lavabo e lo specchio (classico ovale, o rettangolare, con cornice in legno o ferro battuto), e degli accessori come il set per lavabo o il cesto portabiancheria (in vimini, legno o sacco vintage).

Un salotto shabby

Invitare gli ospiti in un salotto o soggiorno in stile crea di sicuro la giusta atmosfera per l’accoglienza e l’ospitalità. I divani stile shabby chic sono il luogo ideale per lunghe chiacchierate e risate in compagnia, o per il tè coi pasticcini con le amiche: sarà un divano vintage imbottito e confortevole, bianco, beige o tortora con cuscini a contrasto, rivestito in tessuto oppure in pelle o similpelle per uno stile più moderno. E se le amiche si fermano per la notte, un divano letto shabby chic è quel che ci vuole per coniugare charme e funzionalità, mantenendo l’atmosfera elegante e delicata dello shabby, ma anche l’efficienza nel contenimento degli spazi (specie se ha un vano contenitore). Via libera in questo caso ai tessili shabby, merletti, quadri, accessori e decori vintage, stampe, e tanto legno dai tavolini da caffè alle cornici delle foto.

Di sicuro è uno stile che crea calore e atmosfera e, se dosato senza eccessi, può essere l’elemento accogliente che desidererai avere in casa sempre, nonostante il cambiare delle mode e le tendenze.